signature

rouge et noir
Attentats-suicides : violence et religion

Recherche sur olivierabel.fr :

 

Ce site

Ceci n'est pas un blog, mais...

Livres reçus

Liens vers
d'autres sites

Textes
programmatiques

 

Olivier Abel

Présentation

Curriculum Vitae

Bibliographie chronologique

Programme
de recherche 2011

 

Publications

Écrits

Films

Documents
audio et vidéo

 

La Faculté

Cours

Manuels

dessin de la Faculté de Théologie Protestante de Paris (IPT)

couverture de la revue 'Filosofia e Teologia' avec Olivier AbelPublications

Fondamenti filosofici dell’individualità

 

Fondamenti filosofici dell’individualità
Soggetto e norme. Individuo, religioni, spazio pubblico
Rivista Filosofia e Teologia XXIV (2010), 1,

 

Résumé de l'article

Sul problema dell’individuo, la riflessione filosofica è insidiata da problematiche talvolta semplificatrici, da dibattiti di società che fanno il processo alla tradizione, o si trasformano in processi all’individualismo. Il saggio intende fare il punto su queste problematiche dominanti, per mostrare poi fino a che punto Paul Ricoeur ha cercato di sfuggirvi, dispiegando un ventaglio di problemi completamente diverso. On the question of the individual, philosophical thought is undermined by sometimes simplifying themes and by society debates, which put tradition or individualism under judgment. The essay aims to restate these prevailing problems in order to show how Paul Ricoeur tried to avoid them, displaying a range of totally different problems.

Début de l'Éditorial de Ugo Perone

Il fascicolo che presentiamo raccoglie la rielaborazione degli interventi al Convegno torinese (2-4 aprile 2009), organizzato dall’Aisfet e dedicato al tema "Soggetto e norme. Individuo, religioni, spazio pubblico". La questione è stata discussa da filosofi, teologi e personalità culturali e politiche di orientamento diverso, ma che convenivano, proprio attraverso la convocazione da parte della nostra rivista, nel convincimento che il contesto filosofico teologico potesse costituire un’occasione privilegiata per accedere a questa tematica. Filosofia e teologia sono infatti luoghi di massima sensibilità tanto per l’assolutezza e l’universalità della norma quanto per l’irriducibilità e la libertà del soggetto. Luoghi così sensibili alle due polarità da aver oscillato tra la tentazione di un conflitto che portasse alla prevalenza di un solo termine e il tentativo di ricondurre deduttivamente l’uno all’altro, con analoga conseguenza di por fine alla polarità. Né si direbbe bene se si semplificasse la contrapposizione ponendola in carico dell’orizzonte disciplinare, come se alla filosofia potesse spettare il primato della libertà del soggetto, mentre alla teologia fosse da imputare l’inclinazione verso l’universalità della norma. Un’analisi, anche superficiale, della storia delle due discipline mostrerebbe invece che la medesima tensione si ripropone all’interno di ciascuna di esse, perché fin dal detto agostiniano l’endiadi Dio e anima suggerisce l’intreccio di assoluto e soggettività e in filosofia la coppia concettuale verità/libertà, nelle sue diverse declinazioni presenta un intreccio analogo. Su questo versante gli interventi di Galeotti e di Coda, fin dal loro titolo, per sullo sfondo di approcci disciplinari e metodologici molto diversi, evidenziano entrambi il carattere tensivo dell’endiadi che connette individualità e comunità e conseguentemente libertà o autonomia e norma.

ornement

 


Olivier Abel
Faculté de Théologie Protestante de Paris
secrétariat : 83 boulevard Arago 75014 Paris - France, téléphone : 01 43 31 61 64 (international : +331 43 31 61 64)

Webmaster : Marc Pernot